• "il significato d'ogni singola carta dipende dal posto che essa ha nella successione di carte che la precedono e la seguono" [Italo Calvino, Il castello dei destini incrociati]
  • “ … Ho impiegato quattordici anni per dipingere come Raffaello, ma mi sono serviti ottanta anni per disegnare come un bambino”. [Pablo Picasso]
  • “Vede, io sono pazzo e, di conseguenza, posso dire tutta la verità” [Jaan Kross, “Il pazzo dello zar”]
  • …Erano le parole a rivelare come vedeva, fiutava e percepiva la vita [Das Lavendelzimmer, Nina George]
  • Non si può osservare un’onda senza tener conto degli aspetti complessi che concorrono a formarla e di quelli altrettanto complessi a cui essa da luogo. [Palomar, Calvino]
  • Il solo vero viaggio non sarebbe quello di andare verso nuovi paesaggi, ma di avere occhi diversi. [Marcel Proust]
  • L’illusione di influenzare gli altri e' un credo essenziale della vita di relazione. [Gianfranco Cecchin]
  • Tutte le generazioni appartengono ad un processo naturale continuo, in cui ciascuna generazione e' sulle spalle di quella successiva. [Friedman]
  • Il solo vero viaggio non sarebbe quello di andare verso nuovi paesaggi, ma di avere occhi diversi. [Marcel Proust]
  • Come stabilire il momento esatto in cui comincia una storia? Tutto è sempre cominciato già prima. [Se una notte di inverno un viaggiatore, Calvino]
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
La manomissione delle parole e psicologia

L'importanza della parola ed i suoi significati

"...La parola collega la traccia visibile alla cosa invisibile, alla cosa assente, alla cosa desiderata o temuta come un fragile ponte di fortuna gettato nel vuoto. Per questo il giusto uso del linguaggio per me è quello che permette di avvicinarsi alle cose (presenti o assenti) con discrezione e attenzione e cautela, col rispetto di ciò che le cose (presenti o assenti) comunicano senza parole"
Italo Calvino, Lezioni Americane (1985/1988)

 

"…Erano le parole a rivelare come vedeva, fiutava e percepiva la vita"
(Das Lavendelzimmer, Nina George, 2013)

Mi ha sempre affascinato l’idea che le parole – cariche di significato e dunque di forza – nascondano in sé un potere diverso e superiore rispetto a quello di comunicare, trasmettere messaggi, raccontare storie. L’idea, cioè, che abbiano il potere di produrre trasformazioni, che possano essere, letteralmente, lo strumento per cambiare il mondo.”
(Gianrico Carofiglio, La manomissione delle parole, 2010)

Sembra fuorviante per un sito che si occupa esclusivamente di psicologia aprire una nuova sezione con tre citazioni letterarie. Eppure non sono affatto lontani il mondo della letteratura da quello della psicoterapia: entrambi si occupano della vita, delle persone… che proprio grazie alle parole si incontrano, condividono significati..
Gli incontri con le persone si costruiscono grazie anche alle parole che si condividono…
Come racconta Nina George, nel suo romanzo “Una piccola libreria a Parigi”, le parole guidano verso la comprensione di come le persone costruiscono la propria realtà, Carofiglio ci aiuta a capire il potenziale trasformativo del linguaggio, che da un punto di vista sistemico relazionale è lo strumento attraverso cui co-costruiamo la realtà all’interno dei sistemi di relazioni in cui viviamo (Gergen & Gergen, 1984).

Il nostro lavoro di psicologi e psicoterapeuti ci porta a relazionarci con le persone attraverso la parola, che “ permette di avvicinarsi alle cose (presenti o assenti) con discrezione e attenzione e cautela”..

Ecco il motivo di una sezione su Psicologo Melzo e Psicologo Novate dedicato al significato di alcune parole importanti per il nostro lavoro e per le relazioni umane.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa navigare più comodamente e meglio sul nostro sito, sperando di rendertelo ancora più interessante. Se desideri saperne di più o vuoi sapere come bloccarli  clicca QUI